Ladder

Obiettivi e politiche d'investimento

Accrescimento del patrimonio nel breve medio termine mediante l’utilizzo di strumenti finanziari con diversa scadenza, attraverso il reinvestimento degli stessi e il relativo flusso cedolare. La Linea è adeguata a clienti con profilo di rischio medio – basso (come tale si intende, nell’interesse del Cliente, il valore più conservativo tra i parametri di cui alla seguente tabella, a seguito di compilazione del questionario Mifid).

Classificazione del cliente (Mifid 2)

Retail, Professionale

Tipologia Cliente

Conoscenza ed esperienza

Medio Bassa

Capacità di sopportazione delle perdite

Medio Bassa

Tolleranza al rischio

Medio Bassa

Orizzonte Temporale

Breve Medio Periodo

Concentrazione Massima

100%

Caratteristiche specifiche della Linea

Limiti quantitativi

Tassonomia adottata da SCM

Liquidità e strumenti di natura monetaria

da 0% a 50%

Obbligazionario Investment Grade

da 0% a 90%

Obbligazionario non Investment Grade

da 0% a 60%

Azionario

0%

Altro

da 0 a 30%

Derivati

da 0% a 100%

Volatilità Massima Consentita

5%

Grado di rischio

Rischio più basso e rendimento potenzialmente più basso

3

4

5

1

2

Rischio più alto e rendimento potenzialmente più alto

Ulteriori informazioni sulla categoria di rischio

Il profilo di rischio/rendimento del Portafoglio/Linea è rappresentato da un indicatore che classifica lo stesso su una scala da 1 a 5 sulla base della volatilità massima consentita dalla linea/portafoglio. Il Portafoglio/Linea, secondo tale indicatore, è collocato nella categoria 2. Anche la più bassa categoria di rischio dell’indicatore non costituisce assenza di rischio.

I fattori di rischio nel seguito illustrati sono alcuni tra i principali rischi che potrebbero influenzare il valore degli Investimenti della linea o esporla a perdite:

Rischio di Credito – In genere si ritiene che i titoli a reddito fisso presentino un rischio di credito (ovvero potenziale di perdita dovuto al fallimento dell’emittente). Le obbligazioni subordinate e/o che possiedono un rating di credito basso vengono in generale connesse ad un elevato rischio di credito e ad una possibilità più elevata di fallimento rispetto ad altri titoli aventi un rating più elevato.

Rischio di Cambio – il gestore può investire in valute diverse dall’Euro, esponendo l’investimento stesso a fluttuazioni dei tassi di cambio.

Rischio degli strumenti finanziari derivati – comprende svariati rischi tra cui volatilità dei prezzi, esposizione al rischio di controparte ed eventuali variazioni regolamentari.

Rischio Operativo – derivante da processi, personale e sistemi interni inadeguati o carenti, oppure dovute ad eventi esogeni.

Benchmark

Benchmark: Bloomberg Barclays US Intermediate Treasury 20% (LT08TRUU); Bloomberg Barclays USIntermediate Corporate 70% (LD06TRUU); Fed Fund 10% (FDFD).

Il Benchmark non costituisce un impegno e/o un vincolo contrattuale bensì una mera indicazione all’investitore di un parametro oggettivo di riferimento.

SRRI

L’indice di volatilità storica della linea di gestione/portafoglio modello (SRRI) è pari a 3 su una scala da 1 a 7. Tale indicazione non rappresenta un indicatore della presenza di alcun impegno e/o vincolo contrattuale e potrà subire variazioni nel tempo.